• Lisa Bonsignori

IL BRASILE A CARNEVALE

Il momento migliore per andare in Brasile è indubbiamente a febbraio durante il carnevale, quando le città si colorano, la musica è nell’aria e le strade diventano delle piste da ballo. Scegliere di visitare un paese partecipando alle sue festività è un efficace modo per venire a contatto con le persone del luogo e per comprenderne usi e costumi. Sarà un’esperienza unica ed indimenticabile che darà valore aggiunto al vostro viaggio di nozze.

IL CLIMA Molte coppie che si sposano nei mesi invernali approfittano della luna di miele per una fuga al caldo. In Brasile a febbraio troverete tanti climi diversi poiché il paese è enorme ed attraversato dall’Equatore. Potremo dedicare un intero blog alle micro aree climatiche brasiliane ma siamo qui per parlare del carnevale quindi citeremo solo quelle che riguardano l’itinerario che proponiamo, studiato ad hoc per evitare zone eccessivamente piovose. Partiamo da Rio de Janeiro, tappa primaria del nostro viaggio, che si trova sulla costa atlantica circa duemila chilometri a sud dell’Equatore. Qua il clima è tropicale, ovvero con una stagione secca, l’inverno, ed una umida, l’estate, che si invertono rispetto alle nostre poiché siamo nell’emisfero australe. Nonostante a febbraio a Rio sia estate, le giornate non sono eccessivamente piovose e le temperature di solito non superano i trenta gradi. Ci spostiamo a sud al confine con Argentina e Paraguay per ammirare le maestose Cascate di Iguazu. Il clima subtropicale fa si che le piogge siano abbondanti tutto l’anno ma si manifestano principalmente sotto forma di temporali pomeridiani e serali. Le giornate perciò rimangono calde e abbastanza soleggiate ed a febbraio la portata del fiume raggiunge il suo massimo consentendoci di vedere le cascate al massimo del loro splendore. Per il mare abbiamo scelto l’Isoletta di Morro de Sao Paulo, di poco a sud dalla città coloniale di Salvador de Bahia. Il clima equatoriale della zona fa si che le giornate siano calde e piovose tutto l’anno. A da ottobre a marzo gli alisei rendono il clima meno afoso e i rovesci meno frequenti. Febbraio quindi è il mese migliore per dedicarsi alle attività balneari.

IL CARNEVALE DI RIO Il carnevale di Rio è tamburi, piume e samba. Sono ormai due secoli che i carioca sfilano per le strade della città suonando e ballando vestiti in maschera. La tradizione nasce nel diciannovesimo secolo quando la borghesia importa l’usanza parigina delle feste e dei balli in maschera. Essendo il Brasile un paese fortemente cattolico, è stato vincente il connubio tra questa nuova moda e i festeggiamenti del Martedì Grasso, ultimo giorno per darsi agli eccessi prima dei quaranta giorni della Quaresima. Oggi i cortei sono costituiti da gruppi di persone appartenenti allo stesso quartiere chiamati blocos (che significa appunto quartiere), ognuno dei quali ha i suoi costumi tradizionali e la sua zona della città nella quale sfilare, suonare e ballare. Ma la vera magia avviene all’interno del Sambodromo, struttura costruita nel 1984 per consentire a più di ottantamila persone di assistere a La Parata di Samba. Le scuole di samba della città si sfidano a passi di danza ognuna con un’esibizione di ottanta minuti, nella quale migliaia di musicisti, attori e ballerini interpretano la propria canzone samba, sfoggiando elaborati costumi sugli imponenti carri allegorici. Il concorso inizia il venerdì dopo Giovedì Grasso e termina di Martedì Grasso con la parata dei bambini. Il Mercoledì delle Ceneri la giuria scinderà la scuola di samba vincitrice, che si esibirà di nuovo il sabato successivo insieme alle migliori cinque.

L’ITINERARIO Il nostro viaggio vi fa arrivare a Rio la domenica dopo il Giovedì Grasso, in modo da poter assistere all’esibizione nel Sambodromo del lunedì, giornata dedicata alle migliori scuole di samba della città che appartengono al Gruppo Speciale. Anche il giorono successivo è dedicato al carnevale, sia al Sambodromo per la parata di Martedì Grasso che per le strade insieme ai blocos. Il mercoledì vorrete probabilmente rilassarvi sulla spiaggia di Copacabana e il giovedì visitare la città con una guida che vi condurrà in alto ai piedi del Cristo Redentore e tra i vicoli delle favelas. Dopo questi cinque giorni nella città carioca ci spostiamo a sud per immergerci nella natura. Al confine tra Brasile, Argentina e Paraguay, il Rio Paranà e il Rio Iguazu confluiscono e le loro acque precipitano in uno strapiombo lungo tre chilometri formando ben 275 salti di un’altezza media di sessantacinque metri. Attraverso passerelle e pontili è possibile avvicinarsi alle cascate ed ammirarle da vari punti di osservazione. Inoltre il percorso vi porterà anche alla scoperta del Parco Nazionale, ricco di flora e fauna locale. Trascorriamo due notti ad Iguazu per poi volare fino a Salvador de Bahia. Vi consigliamo di fermarvi un giorno nella città coloniale per visitare il suo centro storico, prima di prendere il traghetto per Morro de Sao Paulo. Da non perdere cena e spettacolo al teatro Miguel Santana. Eccoci arrivati al momento del sano riposo, al quale potrete dedicare il tempo della vacanza che vi rimane, consigliamo comunque di soffermarvi sull’isola almeno cinque giorni. Anche se il relax è di casa, non dovrete rinunciare ad un po’ di sana movida serale grazie ai locali notturni e alle feste sulla spiaggia di Segunda Praia. Come avrete capito questo viaggio è particolarmente adatto a coppie dinamiche, avventurose ed amanti del divertimento. Non solo vi farà scoprire luoghi meravigliosi ma i porterà soprattutto a vivere esperienze indimenticabili. Vi aspettiamo in agenzia per ripercorrere insieme le varie tappe e magari aggiungerne altre a seconda delle vostre preferenze!




2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

CUBA